I più venduti

Informazioni

Produttori

Speciali

Ristrutturazioni: tutto quello che c'è da sapere virca le normative in vigore.

Published : 07/11/2017 09:39:11
Categories : Generale , News

L'articolo di oggi, è rivolto a tutti coloro che desiderano ristrutturare casa, usufruendo delle agevolazioni fiscali. Che siate una coppia giovane o una coppia già consolidata che vive assieme da anni, troverete sicuramente utile questo vademecum, semplice ed alla portata di tutti, circa le normative e bonus di categoria attualmente in vigore e non.
Partiamo proprio dai bonus, alcuni sono già in vigore, altri verranno introdotti nel 2018 dal Governo nella Legge di Bilancio 2018.
· Bonus casa 2018 ristrutturazioni: si tratta di una detrazione del 50% per una massimo di spesa pari a 96.000€, da suddividere in 10 quote annuali di pari importo estesa anche ad altri tipi di intervento. Tale bonus, infatti, dovrebbe cambiare forma e sostanza con il nuovo bonus verde 2018, con detrazione al 36% per la riqualificazione urbana con interventi agevolabili per i privati e condomini per terrazzi, balconi e giardini e per chi finanzia lavori per il verde pubblico. Per i lavori di ristrutturazione in casa la norma originaria del TUIR prevede una detrazione Irpef pari al 36% delle spese sostenute, fino al limite di 48.000 euro per ciascuna unità immobiliare.
· Ecobonus 2018: comporta una detrazione al 65% per tutti coloro che effettuano interventi di risparmio energetico, per un massimo di spesa pari a 100 mila euro da suddividere sempre in 10 anni. L'Ecobonus con la nuova legge di bilancio 2018, è esteso all'edilizia popolare, ossia, alle case popolari. Tuttavia, le novità sono molte, perché la detrazione Irpef prevista dall’Ecobonus non sarà più pari al 65% per tutti i lavori effettuati ma passerà al 50% per:  sostituzione e posa in opera di infissi, sostituzione e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con l’installazione di caldaie a condensazione e a biomassa e dinfin, installazione schermature solari.Un'altra novità è che dal 2018, la detrazione 65% scende al 50% per chi sostiene spese per la sostituzione di infissi e schermature, ma anche caldaie a condensazione e a biomasse.
· Bonus mobili 2018: l'agevolazione che prevede una detrazione pari al 50% della spesa sostenuta entro un limite di € 10.000, per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici, è stata riconfermata per il 2018. Ne potranno beneficiare i contribuenti che effettuano lavori di ristrutturazione e che acquistano mobili o grandi elettrodomestici di classe pari almeno alla A+.
· Sismabonus 2018: detrazione fino all’85%  per lavori effettuati a partire dal 1° gennaio 2017 e fino al 31 dicembre 2021 sarà del 70%, ovvero dell’80% in caso di riduzione di due classi di rischio. La detrazione sale fino all’85% quando l’intervento è effettuato in condomini. Tale aggevolazione,potrebbe essere estesa a capannoni ed imprese.  
· Bonus verde 2018: interventi di sistemazione e recupero del verde di giardini, terrazzi, balconi anche condominiali e di interesse storico, effettuati a partire dal 1°Gennaio 2018 a fronte di una spesa di € 5000.
E per chi acquista una nuova casa? C'è un bonus pensato anche per chi desidera acquistare un nuovo immobile. Bonus prima casa 2017: le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa sono state prorogate anche per il 2018 e consentono di beneficiare della riduzione dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale ma non solo. Nel rispetto dei requisiti previsti dall’Agenzia delle Entrate con il bonus prima casa si può beneficiare della riduzione dell’Iva, del credito d’imposta e di specifiche detrazioni Irpef. Le agevolazioni del bonus prima casa si applicano per gli acquisti effettuati da imprese, da privati, ma anche per acquisti su successioni e donazioni. Ovviamente per accedere alle agevolazioni sull’acquisto della prima casa rivolte dallo Stato i beneficiari dovranno rispettare alcuni requisiti, anche se per il 2017 la misura è stata estesa anche ai possessori di una casa, diversamente da quanto invece stabilito al 2015. Inoltre, l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 107 del 1° agosto 2017 ha chiarito un’importante novità: il bonus prima casa può essere richiesto una seconda volta nel caso di immobile già acquistato con le agevolazioni previste ma di seguito dichiarato inagibile. Un chiarimento molto importante e che, nel caso specifico, si inserisce nelle importanti agevolazioni fiscali riconosciute ai possessori di case danneggiate dal terremoto.
Tutto chiaro amici? Ora che sapete proprio tutto su bonus ed incentivi, non avete più scuse per comprare o rinnovare casa! Sul nostro sito inoltre, troverete tante idee per personalizzare l'arredamento e rendere unica la vostra dimora!!!

Share this content

Add a comment

 (with http://)